Supernova, voglia di ritrovarsi e malattia al centro dell’ultimo film di Harry Macqueen

Supernova, voglia di ritrovarsi e malattia al centro dell'ultimo film di Harry Macqueen

“Se tu avessi un solo desiderio da esprimere quale sarebbe?”, “Che questa vacanza non finisse mai”. Racconta l’amore, la complicità, la determinatezza, senza tralasciare le ombre, l’amarezza della vita e la morte, “Supernova”, l’ultima fatica cinematografica di Harry MacqueenUscito al cinema in Italia il 16 settembre (trailer), il dramma ruota intorno alla storia d’amore di Sam e Tusker, interpretati da Colin Firth e Stanley Tucci, insieme da oltre vent’anni e abituati ad affrontare tutto insieme.

“Io di sicuro non sarei qui se non fosse per quest’uomo al mio fianco”. A Tusker è stata diagnosticata una demenza precoce e la sola cosa che desiderano è di trascorrere quanto più tempo possibile insieme. Decidono così di partire a bordo di un vecchio camper e di viaggiare per l’Inghilterra andando incontro ad amici, parenti e familiari. Questa esperienza condivisa però lascerà emergere segreti mai confessati e profonde divergenze. Dal giorno in cui Tusker scopre di essere affetto da demenza, Sam – il suo compagno di vita – sospende ogni sua attività per prendersi cura di lui. Supernova dunque si presenta come un viaggio certamente impreziosito da un cast che, oltre a Firth e Tucci, conta anche Pippa Haywood, Peter Macqueen e James Dreyfus, e da sceneggiatura scritta dallo stesso Harry Macqueen.

Si parla di demenza a “esordio precoce” quando la patologia colpisce persone che hanno meno di 65 anni. La demenza è causata da una degenerazione dei tessuti cerebrali che può compromettere la capacità di pensare, comunicare, svolgere compiti quotidiani e ricordare. Anche la personalità, il comportamento e l’umore possono subire dei cambiamenti a causa del deterioramento neurocognitivo. Oltre alla demenza di Alzheimer, le forme più frequenti di demenza a esordio precoce sono rare e includono: demenza frontotemporale, demenza vascolare, atrofia corticale posteriore o PCA, sindrome di Korsakoff (causata dalla mancanza di vitamina B1 e associata all’abuso di alcol), demenza a corpi di Lewy, CADASIL.

Le cause di demenza ad esordio precoce possono essere più rare e difficili da riconoscere. Generalmente i primi sintomi non hanno a che vedere con la memoria ma con il comportamento e la funzionalità nella vita di tutti i giorni.

Alessandro Notarnicola
Alessandro Notarnicola
Mi occupo di giornalismo e critica cinematografica. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia nel 2013, nel 2016 ho conseguito la Laurea Magistrale in "Editoria e Scrittura". Da qualche anno mi sono concentrato sull'attività della Santa Sede e sui principali eventi che coinvolgono la Chiesa cattolica in Italia e nel mondo intero.
Banca delle Visite_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *