Ripristinare gli ecosistemi. È possibile? L’impegno delle Nazioni Unite e della rete associativa mondiale

Ripristinare gli ecosistemi. È possibile? L'impegno delle Nazioni Unite e della rete associativa mondiale

Alleati o nemici? Con l’ambiente non ci sono alternative: se i popoli del mondo non collaborano per tutelare l’ecosistema, alla Terra toccherà un futuro poco felice. È questo, in estrema sintesi, il contenuto dell’intervento pronunciato dal Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che il 5 giugno, in occasione della 47esima Giornata Mondiale dell’Ambiente, è intervenuto sulle politiche da adottare al fine di ripristinare gli ecosistemi, una sfida che va affrontata al più presto perché mette a rischio il benessere del 40% dell’umanità.

Per questo, tra le molteplici iniziative organizzate a livello globale, si annovera il tanto atteso ritorno della campagna di sensibilizzazione #cambiagesto, promossa da Philip Morris Italia e alla sua terza edizione. Tra le azioni principali: sollecitare una maggiore presa di coscienza individuale e collettiva rispetto al tema dell’abbandono dei mozziconi di sigaretta nell’ambiente. Per realizzare questo obiettivo, gli organizzatori dell’iniziativa godono della collaborazione delle tabaccherie presenti sui territori toccati dalla campagna e di una nutrita schiera di volontari aderenti alle associazioni partner, Plastic Free e Retake, attive sul fronte della tutela ambientale.

Ma non solo, perché nelle varie tappe della campagna, che durante l’anno diventerà itinerante visto che viaggerà per tutta Italia, i volontari saranno impegnati nella raccolta dei mozziconi sulle strade e lungo il litorale. Obiettivo finale: far cambiare ai fumatori adulti una mentalità e un’abitudine ormai diventata routine, quella di un gesto all’apparenza insignificante come gettare il mozzicone per terra.

Le prime città italiane coinvolte da #Cambiagesto sono: Pescara, Matera, Napoli e Perugia. In questa prima tappa, con il supporto di ben 155 volontari, si è riusciti a rimuovere dalle strade un totale di più di 16 kg di mozziconi. Questo significa che ciascuno dei 155 volontari ha raccolto in media 206 grammi di mozziconi a testa, all’incirca una decina di pacchetti di sigarette.

Nella stessa giornata tuttavia quella dei mozziconi non è stata l’unica campagna ad essere lanciata. Save The Children ha infatti lanciato un’azione sui canali social che sottolinea come i cambiamenti climatici rappresentano sempre più una minaccia per la salute, lo sviluppo e la protezione dei bambini, e richiama l’attenzione di tutti sull’importanza di compiere scelte, piccole o grandi che siano, per salvare il pianeta e il futuro dei nostri figli. L’invito è quello di pubblicare un post taggando l’organizzazione e lanciando gli hashtag della campagna: #messoinagenda #savethefuture.

Alessandro Notarnicola
Alessandro Notarnicola
Mi occupo di giornalismo e critica cinematografica. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia nel 2013, nel 2016 ho conseguito la Laurea Magistrale in "Editoria e Scrittura". Da qualche anno mi sono concentrato sull'attività della Santa Sede e sui principali eventi che coinvolgono la Chiesa cattolica in Italia e nel mondo intero.
Scegliere_salute_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *