I pericoli del wi-fi: tutto quello che c'è da sapere

Wi-fi tradotto significa ‘collegarsi in rete senza fili’.
Nell’era moderna tutti siamo in grado, in qualunque momento della giornata, di interagire con tutto il mondo grazie a un click. La nuova tecnologia ha accorciato molto le distanze: niente di più facile e comodo che connettersi in rete in qualunque angolo della casa.
Quante volte vi è capitato di entrare in un luogo pubblico e chiedere se è presente la connessione per poter navigare dal proprio smartphone o tablet? Tante. Ormai la stragrande maggioranza degli esercizi commerciali si è organizzata nell’offrire questo servizio. Tutti i dispositivi, quali appunto smartphone, tablet e computer interagiscono con il router attraverso la trasmissione di onde elettromagnetiche.
Questo sistema è dannoso per la salute?
Secondo uno studio condotto dalla British Health Agency, i router senza fili hanno un impatto negativo sulla crescita dell’essere umano e sulla vegetazione. Le conseguenze sarebbero scarsa capacità di concentrarsi, disturbi del sonno, mal di testa cronico, disturbi all’udito e stanchezza cronica.
Nonostante i produttori di router wireless debbano rispettare specifiche norme per tutelare la salute degli utenti, ad oggi, non si ha ancora la certezza rispetto alle conseguenze che questa tecnologia riserva al nostro organismo.
Mutua Mba, società di mutuo soccorso, leader in Italia per numero di associati, da sempre attenta alla prevenzione, ha chiesto un commento alla dottoressa Marinella Cozzolino, psicologa-psicoterapeuta.
Dott.ssa Cozzolino
Cosa ne pensa dello studio? Dobbiamo iniziare a preoccuparci seriamente delle conseguenze? 
“Non essendo medico non ho competenze né strumenti per smentire o validare la veridicità di questa tesi. Tuttavia i rischi e le conseguenze elencate rispetto a questo costante stato di connessione sono realistici e riscontrabili anche da un punto di vista psichico e neurologico. Sempre connessi significa chiusi in un mondo virtuale, concentrati su altro, attenti ma distratti.
Inutile negare il fatto che oggi le nuove tecnologie hanno assunto un ruolo troppo importante per poter smettere di essere utilizzate.
L’importante è seguire delle regole per ridurre al minimo i possibili danni alla nostra salute”.
Gli esperti consigliano di non posizionare il router nella camera da letto o in cucina, luoghi dove si trascorre la maggior parte del tempo quando si è in casa. Per evitare di stare perennemente a contatto con le onde elettromagnetiche tenere acceso il router solo nei momenti di utilizzo. Ricordiamoci anche di scollegare tutti i dispositivi wireless prima di andare a dormire.
Nicoletta Mele
Nicoletta Mele
Laureata in scienze politiche. Dal 2001 iscritta all’ Ordine Nazionale dei Giornalisti. Ha collaborato con testate giornalistiche e uffici stampa. Dopo aver conseguito il master in “ Gestione e marketing di imprese in Tv digitale”, ha lavorato per 12 anni in Rai, occupandosi di programmi di servizio e intrattenimento. Dal 2017 è Direttore Responsabile di Health Online, periodico di informazione sulla sanità integrativa.
Scegliere_salute_728

1 commento

  1.     ha detto:

    >Quante volte vi è capitato di entrare in un luogo pubblico e chiedere se è presente la connessione per poter navigare dal proprio smartphone o tablet? Tante.

    MAI. Non possiedo smartphone né tablet e neanche alcuna intenzione di acquistarli. Non faccio parte del gregge di pecore che si consegna belando al pastore che poi finirà per tagliargli la gola.

    Voi continuate pure a cuocervi il cervello. Beee, beee…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *