Settimana mondiale del Glaucoma: check up gratuiti in tutta Italia

È importante controllare la pressione oculare almeno una volta l’anno. Un’occasione per fare prevenzione è la Settimana Mondiale del Glaucoma, che quest’anno si celebra dal 12 al 18 marzo.

Dal 12 al 17 marzo 2017 si celebra la settimana mondiale del glaucoma: per questa occasione, l’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità – IAPB Italia onlus, in collaborazione con le Sezioni locali dell’Uici, ha organizzato diverse iniziative in 90 città italiane: sarà possibile sottoporsi a check-up oculistici gratuitamente, partecipare a incontri e conferenze, e verrà distribuito materiale informativo.
Il glaucoma è una malattia degli occhi molto frequente. Si stima che nel mondo ne soffrano circa 55 milioni di persone, circa un milione solo in Italia (e una persona su due ancora non lo sa). È una delle cause più frequenti di cecità e ipovisione: a causa del glaucoma 25 milioni di persone nel mondo hanno perso la vista del tutto o in parte.

Ma cos’è esattamente? È una malattia degenerativa, quasi sempre bilaterale, che colpisce il nervo ottico. Il nervo ottico è costituito da milioni di fibre nervose, che trasmettono i segnali elettrici dalla retina al cervello, che provvede ad elaborare l’informazione visiva. Il glaucoma nella maggior parte dei casi è dovuto ad un aumento della pressione interna dell’occhio. La pressione oculare di solito è compresa tra i 10 e 20 millimetri di mercurio (mmHg). È legata al rapporto tra la produzione e il deflusso di umor acqueo (un liquido prodotto e riassorbito continuamente dall’occhio). In un occhio sano l’equilibrio è perfetto. Ma quando c’è una produzione in eccesso, o quando è ostacolato il deflusso, la pressione oculare aumenta, danneggiando il nervo ottico.
Nel tempo, l’aumento della pressione oculare causa quindi danni permanenti alla vista, accompagnati da una riduzione del campo visivo e alterazioni della papilla ottica. Il glaucoma viene infatti diagnosticato quando questi tre fattori –  aumento della pressione oculare, riduzione del campo visivo e alterazioni della papilla ottica – sono presenti.
Ci sono tre forme di glaucoma: Il glaucoma cronico, quello acuto e quello congenito Il glaucoma cronico, il più comune, è causato da un progressivo malfunzionamento delle vie di deflusso dell’umor acqueo, che causa un aumento della pressione oculare. Colpisce soprattutto le persone tra i 40 e i 50 anni, ha una evoluzione lenta e senza particolari sintomi, tant’è che spesso ci si rende conto troppo tardi di essere malati, quando i danni sono già irreparabili.
Il glaucoma acuto si manifesta in maniera improvvisa e imprevedibile; è quasi sempre è legato a una condizione anatomica predisponente (occhi ipermetropi), ed è dovuto a un’ostruzione totale delle vie di deflusso. Provoca forti dolori, nausea e vomito. Riduce di molto la vista, con una forte infiammazione dell’occhio.
Il glaucoma congenito si può manifestare già alla nascita o nei primi anni di vita. È provocato da alterazioni o malformazioni delle vie di deflusso dell’umor acqueo. La “plasticità” del bulbo oculare fa sì che l’occhio acquisti dimensioni molto grandi; pur essendo raro, è una delle cause più frequenti di ipovisione e cecità infantile.
La diagnosi precoce è fondamentale: la malattia deve essere curata tempestivamente, per evitare danni permanenti alla vista, o addirittura la cecità. Per diagnosticare un glaucoma basta una semplice visita oculistica. Ci sono ovviamente dei fattori di rischio, che è necessario considerare. Il primo è l’età: la possibilità di ammalarsi aumenta con gli anni, quindi soprattutto per gli over 40 è importante sottoporsi a visite oculiste periodicamente, che comprendano anche la misurazione della pressione dell’occhio. Bisogna anche considerare se ci sono stati altri casi in famiglia, se è presente una miopia elevata, se si sono affrontate terapie protratte con farmaci cortisonici. Una volta diagnosticato, si può curare. Si possono utilizzare colliri, ma si può anche intervenire chirurgicamente o con il trattamento laser, a seconda dei casi.
La chiave è sempre la diagnosi precoce, e quindi la prevenzione. Allora, perché non approfittare della possibilità offerta per la settimana mondiale del glaucoma?
Il check-up oculistico gratuito, che include la misurazione della pressione dell’occhio (tonometria), si svolge a bordo di Unità mobili oftalmiche – speciali camper attrezzati – e in alcuni ambulatori oculistici. L’elenco di tutte le iniziative ed eventi è disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità – IAPB Italia onlus.
IAPB Italia Onlus ha realizzato anche una campagna sociale Mediafriends, che vede protagonista Ricky Tognazzi e che andrà in onda sulle reti Mediaset dal 12 al 18 marzo. Lo scopo è sensibilizzare tutti sull’importanza della prevenzione e far capire che il glaucoma è una malattia molto frequente, che però si può curare grazie ad una diagnosi precoce. “La vista può volare via. Previeni il glaucoma”.

 

Mariachiara Manopulo
Mariachiara Manopulo
Bolognese di nascita e quasi romana d’adozione, mi sono laureata in Scienze della comunicazione pubblica, sociale e politica, e specializzata prima con un Master in diritto parlamentare e valutazione delle politiche pubbliche e poi con un Master in Digital PR e Media Relations. Ho avuto diverse esperienze nel settore della comunicazione; dopo più di tre anni passati nell'ufficio stampa di un gruppo parlamentare alla Camera dei deputati, ora lavoro nell'ufficio Comunicazione e Marketing di Health Italia.
Health Italia_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *