L'INNOVATIVA SCOPERTA ITALIANA: LA TERAPIA IMMUNO-CELLULARE PER COMBATTERE I TUMORI

Terapia per il cancro

 Terapia immuno-cellulare: nuova scoperta italiana per combattere il cancro

Secondo l’Associazione Italiana di Oncologia medica, l’Italia è il primo paese in Europa per la cura del cancro. Il primato italiano per le guarigioni è soprattutto nei tumori più frequenti come quelli del colon (60,8% vs 57%), del seno (85,5% vs 81,8%) e della prostata (88,6% vs 83,4%).
La ricerca sta facendo grandi progressi ed è recente la notizia, ripresa in questi giorni dai media nazionali e internazionali, di una terapia immuno-cellulare in grado di contrastare la recidiva dei tumori. La scoperta orgogliosamente italiana è frutto di uno studio realizzato dall’IRCCS San Raffaele di Milano, presentato in questi giorni a Washington in occasione del meeting AAAS e pubblicato su “Science Transnational Medicine”.
La ricerca punta a produrre cellule killer T geneticamente elaborate, una sorta di arma artificialmente elaborata dal sistema immunitario, in grado di convivere con qualsiasi cancro nel sistema sanguigno e contrastarlo.
Per saperne di più Mutua Mba, Società di Mutuo Soccorso, attenta nel divulgare tempestivamente notizie di questo tipo, soprattutto quando si tratta di successi made in Italy, ha contattato l’Ufficio Stampa dell’Istituto di Ricerca San Raffaele il quale ha spiegato quali sono state le fasi che hanno portato l’equipe della Professoressa Chiara Bonini, vicedirettore della Divisione di Immunologia, Trapianti e Malattie Infettive, e del Professor Fabio Ciceri, direttore dell’Unità di Ematologia, al grande successo nel campo della ricerca.
Cellula cancerogena nel corpo umanoI ricercatori e i clinici dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano hanno preso in esame il sistema immunitario di alcuni pazienti affetti da leucemia acuta che avevano ricevuto un trapianto di midollo osseo e la terapia genica TK sviluppata da MolMed. L’indagine ha identificato un sottotipo di linfociti T della memoria immunologica che perdura negli anni e che potrebbe essere “armato” per combattere efficacemente i tumori. L’équipe si è concentrata su pazienti arruolati nella sperimentazione clinica TK007 e all’epoca affetti da leucemia acuta, che avevano ricevuto, a partire dal 2000, il trapianto di midollo osseo da donatore familiare parzialmente compatibile. La sperimentazione prevedeva l’infusione di linfociti T del donatore, modificati geneticamente con il gene “suicida” TK, al fine di poter fornire ai pazienti un nuovo sistema immunitario, capace di combattere la leucemia e di difenderli dalle infezioni e suscettibile di essere controllato selettivamente nel caso di complicanze.
Come prima cosa è stato verificato che i parametri immunologici dei pazienti a distanza di anni dal trapianto e dalla terapia genica, fossero uguali a quelli che si trovano in soggetti sani e di pari età. Il passo successivo è stato quello di identificare quali cellule del sistema immunitario resistono nel tempo e quali di queste potranno essere ‘armate’ in futuro per combattere più efficacemente le leucemie.
La Professoressa Chiara Bonini ha dichiarato alla stampa: “Siamo partiti avvantaggiati perché i linfociti erano stati modificati tramite la terapia genica ed era possibile quindi rintracciarli nei pazienti a distanza di tempo. Attraverso dei marcatori molecolari è stato così possibile identificare i linfociti T nei pazienti a distanza di 2-14 anni dalla loro infusione. Ci siamo chiesti quale, tra tutti i sottotipi di linfociti T che erano stati infusi 2-14 anni prima, fosse capace di persistere a lungo termine e abbiamo notato che le cellule più capaci di espandersi e di mantenersi a lungo sono le cellule definite memory stem T cells. Da anni stiamo studiando il ruolo delle memory stem T cells nella memoria immunologica, in questo lavoro abbiamo verificato il loro effettivo contributo in pazienti con leucemia”.
Questa scoperta ha importanti conseguenze per lo sviluppo dell’immunoterapia dei tumori. “Oggi è possibile ‘armare’ geneticamente i linfociti T in modo che riconoscano ed eliminino le cellule tumorali residue con precisione ed efficacia -ha spiegato Chiara Bonini- grazie a questo studio possiamo supporre che se armiamo geneticamente la sottopopolazione di memory stem T cells, sopravvivranno molto a lungo nel paziente, contribuendo a mantenere la remissione. La presenza del gene suicida ci permetterà inoltre di controllare le eventuali tossicità”.
Un plauso anche da parte di Mutua Mba per l’innovativa scoperta che ha le armi giuste per contrastare i tumori e che pone l’Italia in cima alla scala dei più importanti successi internazionali.

Nicoletta Mele
Nicoletta Mele
Laureata in scienze politiche. Dal 2001 iscritta all’ Ordine Nazionale dei Giornalisti. Ha collaborato con testate giornalistiche e uffici stampa. Dopo aver conseguito il master in “ Gestione e marketing di imprese in Tv digitale”, ha lavorato per 12 anni in Rai, occupandosi di programmi di servizio e intrattenimento. Dal 2017 è Direttore Responsabile di Health Online, periodico di informazione sulla sanità integrativa.
Cherasan_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *