ATROFIA MUSCOLARE SPINALE (SMA): PROGETTO PILOTA NEONATALE IN LAZIO E TOSCANA

Nicoletta Mele

Nicoletta Mele

Laureata in scienze politiche. Dal 2001 iscritta all’ Ordine Nazionale dei Giornalisti. Ha collaborato con testate giornalistiche e uffici stampa. Dopo aver conseguito il master in “ Gestione e marketing di imprese in Tv digitale”, ha lavorato per 12 anni in Rai, occupandosi di programmi di servizio e intrattenimento. Dal 2017 è Direttore Responsabile di Health Online, periodico di informazione sulla sanità integrativa.
Nicoletta Mele

Il 2019 sarà l’anno che vedrà l’avvio del test sui nuovi nati.
Il test molecolare sviluppato presso l’Istituto di Medicina Genomica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, e la dimostrazione è nell’avvio del progetto pilota di screening neonatale che partirà in Lazio e Toscana nei primi mesi del 2019, grazie alla collaborazione tra la stessa Università e il Policlinico Gemelli di Roma, i due governi regionali, l’Ospedale Meyer di Firenze, l’azienda farmaceutica Biogen e Famiglie SMA, l’associazione dei genitori di bimbi e pazienti con questa patologia prima incurabile e mortale (SMA dall’acronimo dell’inglese Spinal Muscolar Atrophy).

“È un progetto pilota tra i primi in Europa – ha spiegato il prof. Francesco Danilo Tiziano dell’Università Cattolica – il test genetico è altamente specifico e individua con certezza il 97-98% dei casi di SMA. Occorre aggiungere solo una minima quantità di sangue del neonato a quello già prelevato per gli screening neonatali obbligatori. Entro pochi giorni dalla nascita e con costi contenuti riusciremo a ottenere i risultati e a sapere se il bambino sia affetto da SMA o meno. In caso di diagnosi di SMA potremo avviare immediatamente il trattamento in quei bambini che si prevede saranno affetti da una forma grave, molto prima che i sintomi si manifestino. Potremo così aumentare esponenzialmente l’efficacia della cura, fino ad ottenere addirittura uno sviluppo normale. È una prospettiva rivoluzionaria per una malattia genetica rara, divenuta realtà soltanto dopo l’introduzione (un anno fa in Italia) del Nusinersen. È la prima e unica terapia finora registrata al Mondo ed è in grado di contrastare il processo degenerativo della SMA”.

Puntando ad analizzare i campioni di 140mila bambini, con il progetto pilota – che avrà una durata di due anni – si stima di identificare per tempo una ventina di pazienti, di cui l’80% affetti da forme gravi. In Lazio, l’iter burocratico è in fase di completamento; in Toscana, è al lavoro invece il Comitato Etico competente. “Tra gli obiettivi scientifici del progetto – ha aggiunto il Prof. Tiziano – c’è quello di determinare la reale incidenza della SMA nella popolazione italiana. Proprio per le enormi possibilità offerte dal trattamento precoce, speriamo che lo screening neonatale della SMA possa diventare una best practice da estendere a tutte le altre regioni”.
“Stiamo parlando di una malattia rara -ha spiegato la presidente nazionale di Famiglie SMA Daniela Lauro – ma il progetto riguarda tutti i neonati che verranno alla luce. Ci rivolgiamo soprattutto ai medici dei punti nascita affinché informino le donne in gravidanza sulla possibilità di frenare l’eventuale insorgere della malattia nei loro figli. Attraverso la somministrazione del farmaco in commercio è possibile, già nei primi giorni di vita del neonato affetto, garantire uno sviluppo motorio pari a quello dei suoi coetanei sani”.
“In molti, troppi casi di atrofia muscolare spinale, e in generale di malattia genetica rara, le famiglie attendono mesi per avere risposte certe e soprattutto un supporto – ha concluso Lauro – la diagnosi precoce può rovesciare questa prospettiva in maniera decisiva”.
Fino a lunedì 6 ottobre è in corso la Campagna solidale #facciamolotutti di raccolta fondi di Famiglie SMA, associazione Onlus composta e gestita esclusivamente da genitori di bambini e da adulti affetti da SMA (Atrofia Muscolare Spinale).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *