Aperta la Casa del papà dei piccoli pazienti del Bambino Gesù di Roma

Spesso una malattia, e le complicanze che essa apporta, può rompere gli equilibri all’interno del nucleo famigliare. Fino ad oggi il sistema sanitario nazionale non ha mostrato particolare attenzione a questa problematica tanto che da sempre intere famiglie sono costrette a separarsi e a non vivere il quotidiano a causa di un caro, che sia un genitore o un figlio, ricoverato per lunghi periodi in ospedale. Per sanare questo gap l’Ospedale Bambino Gesù ha inaugurato a Roma la “Casa del papà” in via della Lungara 143/A, non lontano dalla sede del Gianicolo.

Il progetto è nato grazie alla sensibilità della comunità parrocchiale di S. Dotorea, in collaborazione con la Comunità francescana di S. Giacomo alla Lungara insieme ai volontari del Vo.Re.Co. (Volontari Regina Coeli) che da molti anni presta attività di sostegno morale e materiale ai detenuti del carcere romano di “Regina Coeli” e alle loro famiglie, oltre che alcuni servizi essenziali ad ex detenuti e persone in difficoltà del territorio. L’Ospedale Bambino Gesù si occupa della selezione delle richieste di ospitalità per meglio venire incontro alle situazioni di maggiore bisogno.
La Casa del papà di via della Lungara dispone di 6 posti letto. L’accoglienza è totalmente gratuita. I papà ospitati possono consumare la colazione e la cena nel Centro Vo.Re.Co. L’inaugurazione della Casa del papà è avvenuta dopo un periodo di rodaggio della casa iniziato lo scorso settembre. In questi mesi, sono stati già ospitati oltre 120 papà: il più lontano è arrivato dall’Afghanistan, ma anche da Grecia, Libia, Albania e dal sud Italia.
“Questa casa – spiega la presidente Mariella Enoc – costituisce un’altra importante ‘maglia’ della rete di accoglienza che sostiene l’attività dell’ospedale Bambino Gesù con oltre 20 strutture. Grazie al contributo di numerose associazioni di genitori e di volontariato accreditate, oltre 3500 famiglie di piccoli pazienti in difficoltà vengono accolte ogni anno assicurando circa 90 mila notti di ospitalità. Una rete di solidarietà e generosità tanto più importante in un momento in cui si moltiplicano le richieste per l’accoglienza a titolo umanitario nelle nostre sedi di bambini di ogni parte del mondo con patologie gravi o traumatizzati dai conflitti che non potrebbero altrimenti essere curati nei Paesi di provenienza”.
“L’entusiasmo con cui è stata accolta questa iniziativa è stato tanto – afferma padre Vittorio Trani, della Comunità francescana di via della Lungara e cappellano ‘storico’ del carcere di Regina Coeli -. L’augurio è che si possa continuare a lungo ad esprimere solidarietà ed attenzione a coppie giovani che si trovano a confrontarsi con la sofferenza dei propri figli”.
 
 

Alessandro Notarnicola
Alessandro Notarnicola
Mi occupo di giornalismo e critica cinematografica. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia nel 2013, nel 2016 ho conseguito la Laurea Magistrale in "Editoria e Scrittura". Da qualche anno mi sono concentrato sull'attività della Santa Sede e sui principali eventi che coinvolgono la Chiesa cattolica in Italia e nel mondo intero.
BeLive_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *