Un rimedio gratuito e naturale per alleviare lo stress

Bastano venti minuti a contatto con la natura per ridurre significativamente i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. Questo è il risultato di uno studio pubblicato su Frontiers in Psychology. “Sappiamo che trascorrere del tempo a contatto con la natura riduce lo stress, ma fino ad ora non era chiaro quanto tempo fosse sufficiente, quanto spesso farlo o anche che tipo di esperienza fosse maggiormente vantaggiosa”, afferma Mary Carol Hunter, professore associato presso l’Università del Michigan e autore principale di questa ricerca.
Una soluzione a basso costo, anzi praticamente gratuita, e senza effetti collaterali, per ridurre l’impatto negativo sulla salute derivanti dalla crescente urbanizzazione e da stili di vita eccessivamente sedentari. Hunter e i suoi colleghi hanno progettato un esperimento che ha fornito una stima realistica del tempo ottimale da trascorrere a contatto con la natura una dose efficace. Per un periodo di 8 settimane, i partecipanti sono stati invitati a stare a contatto con la natura per almeno 10 minuti, per 3 volte alla settimana. È stata data loro massima flessibilità sulla scelta dell´ora del giorno la durata e il luogo. Gli unici vincoli imposti dallo studio erano di  “esporsi alla luce del sole, non fare esercizio aerobico ed evitare l’uso di social media, internet, telefonini, conversazioni e letture “, ha spiegato Hunter, che ha continuato: “Consentire un certo grado di flessibilità personale nell’esperimento, ci ha permesso di identificare la durata ottimale dell’esposizione, nelle normali circostanze della vita moderna”.
“Abbiamo misurato le differenze nello stato di stress per ciascun partecipante giorno per giorno, raccogliendo quattro istantanee del cambiamento dei livelli di cortisolo. Questo ci ha anche permesso di identificare e tenere conto dell’impatto del costante calo naturale del livello di cortisolo nel corso della giornata, rendendo più affidabile la stima della durata effettiva”, ha raccontato Hunter.
I dati hanno rivelato che bastava anche un’esposizione di venti minuti per ridurre significativamente i livelli di cortisolo. Ma se si trascorreva un po’più di tempo immerso nella natura, da 20 a 30 minuti, i livelli di cortisolo diminuivano al massimo. Da 30 minuti in poi ulteriori benefici continuavano a sommarsi, ma a un ritmo più lento.
Hunter spera che questo studio possa costituire la base per ulteriori ricerche in questo settore e ha concluso: “Il nostro approccio sperimentale può essere utilizzato come strumento per valutare in che modo l’età, il sesso, la stagionalità, l’abilità fisica e la cultura influenzino l’efficacia dell´esporsi alla natura sul benessere. Ciò consentirà prescrizioni personalizzate di rimedi naturali e una visione più profonda su come progettare città e programmi per il benessere”.

Giuseppe Iannone
Giuseppe Iannone
Psicologo clinico e neuropsicologo, ha conseguito la Laurea in Neuroscienze Cliniche e Cognitive con specializzazione in Psicopatologia presso l’Università di Maastricht (Paesi Bassi). È iscritto all'Albo dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è sono autore di diverse pubblicazioni scientifiche. Possiede una seconda laurea in Pedagogia della Lingua e Cultura Italiana, conseguita a pieni voti presso l’Università per Stranieri di Siena e si occupa di consulenza linguistica e culturale in diverse aziende. Infine, è istruttore di tecniche di respirazione, di rilassamento, di training autogeno, di massaggio russo e di autodifesa presso la A.S.D. Systema Milano.
Scegliere_salute_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *