La bilancia chiama, la dieta di coppia è la soluzione migliore

Due cuori e un frigorifero. È cosa risaputa, la dieta degli innamorati fa bene a tutti e preparare la cena per il proprio partner è sicuramente da ritenersi uno dei momenti più attesi della giornata. Ma, attenzione, non sempre dispensa e amore vanno di pari passo, soprattutto quando la bilancia avverte uno dei due componenti che è arrivato il momento di sacrificarsi a scapito dei piaceri della tavola. A questo punto la scienza consiglia di seguire la dieta di coppia basata sul sostegno reciproco e sulla totale assenza di momenti di solitudine che potrebbero portare uno dei due a sgarrare.

L’importanza di contare su un supporto valido durante le settimane di sacrifici che ogni dieta comporta è fondamentale, aumenta la motivazione e riduce il rischio di cedere alle tentazioni.

I vantaggi del seguire la dieta degli innamorati sono diversi e si parte proprio dalla certezza di avere un personal trainer in casa (e a letto). Oltre ai benefici legati al seguire in modo rigoroso e preciso una dieta, questo tipo di regime alimentare mette in luce tutta la serie di vantaggi relazionali: i due compagni infatti così facendo trascorreranno più tempo insieme, sia in cucina che al supermercato, destreggiandosi tra padelle e ricette light ai fornelli e incoraggiandosi reciprocamente quando proprio si è allo sfinimento delle calorie. Fondamentale, a tal proposito, è avere bene a mente che il fabbisogno energetico dell’uomo e della donna sono ben diversi: l’uomo adulto ha bisogno di circa 2.200 calorie al giorno, la donna 1.800. In base a questo la dieta va calibrata per l’uno e per l’altra.

Per portare avanti con fermezza e senza troppi grilli per la testa una dieta di coppia è necessario stringere un vero e proprio patto di lealtà che deve considerare almeno tre elementi: divertimento reciproco, da leggere come un rinforzo psicologico, allenamento congiunto (nel salotto di casa o all’aria aperta) e fare la spesa insieme senza acquistare prodotti che favorirebbero qualsiasi tipo di sgarro.

Alessandro Notarnicola
Alessandro Notarnicola
Mi occupo di giornalismo e critica cinematografica. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia nel 2013, nel 2016 ho conseguito la Laurea Magistrale in "Editoria e Scrittura". Da qualche anno mi sono concentrato sull'attività della Santa Sede e sui principali eventi che coinvolgono la Chiesa cattolica in Italia e nel mondo intero.
H-Digital_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *