Il tuo partner è emotivamente maturo?

Giuseppe Iannone

Psicologo clinico e neuropsicologo, ha conseguito la Laurea in Neuroscienze Cliniche e Cognitive con specializzazione in Psicopatologia presso l’Università di Maastricht (Paesi Bassi). È iscritto all'Albo dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è sono autore di diverse pubblicazioni scientifiche. Possiede una seconda laurea in Pedagogia della Lingua e Cultura Italiana, conseguita a pieni voti presso l’Università per Stranieri di Siena e si occupa di consulenza linguistica e culturale in diverse aziende. Infine, è istruttore di tecniche di respirazione, di rilassamento, di training autogeno, di massaggio russo e di autodifesa presso la A.S.D. Systema Milano.

Latest posts by Giuseppe Iannone (see all)

Nella scelta del partner la nostra prima inclinazione è di ascoltare il nostro cuore.

Certamente, l’amore romantico è importante, ma ha un valore limitato in una relazione a lungo termine.

Ci sono altri fattori da prendere in considerazione se si vuole che la relazione duri ed evolva in qualcosa di significativo e soddisfacente.

Uno di questi è la maturità del partner. Alcuni aspetti dell´essere persone mature sono legati all’età. È più probabile che coppie giovani abbiano maggiori difficoltà a mantenere una relazione in equilibrio rispetto a coppie più in là con gli anni che, si presume, possano beneficiare da esperienze ed errori passati. Ma c´è un secondo aspetto della maturità che non è correlato così fortemente con l´età: stiamo parlando della maturità emotiva.

Partner emotivamente maturi tendono a percepirsi più sicuri e connessi tra loro, sono in grado di controllare i loro impulsi, sono meno inclini alle esplosioni emotive e meno pronti ad arrabbiarsi. Tendono a scegliere le parole con attenzione e non usano un linguaggio offensivo.

Ciò significa che sono più efficaci nella gestione dei conflitti e meno rancorosi. Sono più sicuri e non hanno paura di mostrarsi vulnerabili. Anzi, la vulnerabilità permette loro di esprimere i propri vissuti senza timore. Sono più compassionevoli e più bravi a entrare in empatia con il loro partner. Sanno riconoscere un comportamento sbagliato e tendono a imparare dai loro errori. Condividono aspirazioni, pensieri e interessi.

Infine sono emotivamente di supporto: sapere di poter contare sul nostro partner quando siamo coinvolti in situazioni difficili ci fa sentire meno soli, maggiormente in controllo dei nostri problemi e più preparati a gestirli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *