Emergenza sanitaria, cosa cambia da lunedì 6 dicembre

Emergenza sanitaria, cosa cambia da lunedì 6 dicembre

Con l’arrivo di dicembre e l’avvio delle programmazioni di eventi che precedono il Natale e l’ultimo giorno dell’anno, entrano in vigore nuove misure di contrasto alla diffusione del virus Covid-19Da lunedì 6 dicembre, e fino al 15 gennaio, in tutta Italia i controlli saranno più stringenti nelle zone commerciali, dove si concentra la movida e sul trasporto pubblico locale, e in molti luoghi si potrà accedere solo se muniti del Super Green PassDi cosa si tratta? Lo chiarisce la circolare indirizzata ai prefetti, a firma del capo di gabinetto del Viminale Bruno Frattasi, relativa al decreto legge del 26 novembre con le nuove misure di contenimento del Covid-19. “I controlli sono decisivi”, riporta il documento.

Pertanto, sulla base di quanto stabilito dal Consiglio dei Ministrida lunedì 6 dicembre solo le persone vaccinate o guarite potranno ottenere il “super green pass”, che sarà valido sul territorio nazionale, anche in zona bianca. L’accesso a eventi sportivi, spettacoli, bar e ristoranti al chiuso, ma anche a feste e discoteche sarà consentito solo ai possessori di questa certificazione. Esteso l’obbligo di vaccino al personale scolastico e alle forze dell’ordine. Terza dose disponibile per tutti i maggiorenni dal 1° dicembre. Il Green Pass rafforzato, rilasciato solo alle persone vaccinate o guarite, vale in zona bianca ed è necessario per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla e arancione. In caso di passaggio in zona arancione, le restrizioni e le limitazioni non scattano, ma alle attività possono accedere solo coloro che possiedono il Green Pass rafforzato.

Il Green Pass “base” invece viene rilasciato a chi si sottopone a un tampone molecolare (valido per 72 ore) o antigenico (valido per 48 ore).

Come indica il Ministero della Salute, il provvedimento prevede l’estensione dell’obbligo vaccinale alla terza dose ai soggetti per i quali la legge già prevedeva l’obbligo di vaccinazione. L’estensione ha validità a decorrere dal 15 dicembre prossimo ed esclude la possibilità di essere adibiti a mansioni diverse. Si stabilisce l’estensione dell’obbligo vaccinale a ulteriori categorie, sempre a decorrere dal 15 dicembre: personale amministrativo della sanità; docenti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia, compresa la polizia penitenziaria, personale del soccorso pubblico.

Alessandro Notarnicola
Alessandro Notarnicola
Mi occupo di giornalismo e critica cinematografica. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia nel 2013, nel 2016 ho conseguito la Laurea Magistrale in "Editoria e Scrittura". Da qualche anno mi sono concentrato sull'attività della Santa Sede e sui principali eventi che coinvolgono la Chiesa cattolica in Italia e nel mondo intero.
Banca delle Visite_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *