Stress x THC = ansia

drug use, substance abuse, addiction, people and smoking concept - close up of addict lighting up marijuana joint with lighter

Un nuovo studio riporta che l’esposizione alla cannabis e lo stress durante l’adolescenza possono comportare un aumento del rischio di sviluppare disturbi d’ansia in età avanzata.

Uno studio condotto su animali da laboratorio mostra che l’esposizione alla cannabis e allo stress durante l’adolescenza può portare a disturbi d’ansia a lungo termine caratterizzati dalla presenza di paura patologica. Il lavoro svolto dal Neuropharmacology Laboratory-NeuroPhar presso l’Università Pompeu Fabra, è stato guidato dai ricercatori Fernando Berrendero e Rafael Maldonado ed è stato pubblicato sulla rivista Neuropharmacology.

La cannabis rimane la droga illegale più comunemente consumata in tutto il mondo. Il suo uso regolare inizia spesso durante l’adolescenza, il che è particolarmente preoccupante perché questo periodo è cruciale perché il cervello possa maturare correttamente attraverso la riorganizzazione delle sinapsi neuronali.

Numerosi dati preclinici ed epidemiologici suggeriscono che l’esposizione ai cannabinoidi negli adolescenti può aumentare il rischio di insorgenza di malattie psichiatriche in età adulta. I risultati del piano nazionale sulle droghe mostrano un aumento del consumo di cannabis e una recente revisione mette in evidenza che negli ultimi anni la percezione del rischio legata al suo consumo è diminuita nei giovani, tra i 12 e i 17 anni.

“In questo studio abbiamo studiato gli effetti dell’esposizione simultanea al Δ9-tetraidrocannabinolo (THC), che è il principale responsabile delle proprietà psicoattive della cannabis, e allo stress durante l’adolescenza”, spiegano Rocio Saravia e Marc Ten-Blanco, primi autori di l’articolo che, nello specifico, hanno studiato come l´esposizione a THC in adolescenza influenzi l’estinzione del ricordo della paura nei topi adulti.

Occasionalmente, uno stimolo che dovrebbe essere neutro, come potrebbe essere, ad esempio, vedere il dentista in un camice bianco, è associato a uno minaccioso, che sarebbe il dolore che abbiamo avvertito in precedenti visite dal dentista e causa una paura risposta. Normalmente, le reazioni di paura diminuiscono col tempo quando lo stimolo condizionato cessa di essere associato all’esperienza negativa. Questo processo è noto come estinzione della paura. Ma quando l’estinzione della paura non si verifica in modo appropriato, possono verificarsi disturbi d’ansia come, fobie o attacchi di panico o disturbi legati a stress e traumi, come il disturbo da stress post-traumatico.

“Abbiamo osservato che i topi adolescenti trattati con THC ed esposti allo stress mostravano una ridotta estinzione della paura nell’età adulta. Tuttavia, questo effetto non è stato osservato negli animali esposti a questi stessi due fattori separatamente “, spiega Fernando Berrendero. Inoltre, la resistenza all’estinzione della paura è stata associata ad una diminuzione dell’attività neuronale nell’amigdala basolaterale e nella corteccia prefrontale infralimbica, suggerendo una deregolazione a lungo termine del circuito che regola la paura.

“I nostri risultati evidenziano l’influenza di fattori ambientali, come lo stress, sugli effetti nocivi dell’esposizione alla cannabis durante la prima età e suggeriscono che le conseguenze del consumo precoce di cannabis dipendono molto dall’ambiente del suo uso. La presenza di situazioni di stress, comuni tra i consumatori della sostanza, può peggiorare gli effetti dannosi della cannabis”, conclude Rafael Maldonado.

Giuseppe Iannone
Giuseppe Iannone
Psicologo clinico e neuropsicologo, ha conseguito la Laurea in Neuroscienze Cliniche e Cognitive con specializzazione in Psicopatologia presso l’Università di Maastricht (Paesi Bassi). È iscritto all'Albo dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è sono autore di diverse pubblicazioni scientifiche. Possiede una seconda laurea in Pedagogia della Lingua e Cultura Italiana, conseguita a pieni voti presso l’Università per Stranieri di Siena e si occupa di consulenza linguistica e culturale in diverse aziende. Infine, è istruttore di tecniche di respirazione, di rilassamento, di training autogeno, di massaggio russo e di autodifesa presso la A.S.D. Systema Milano.
StemWay Biotech_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *