Arriva la riforma dello Sport, ministro Grillo “È strettamente legata alla salute dei cittadini”

“Questo argomento al governo sta molto a cuore: lo sport é strettamente legato alla salute di tutti i cittadini. Per la prima volta siamo riusciti ad aumentare le risorse alla sanità e abbiamo la possibilità di dedicarci anche a temi come quello di oggi. C’è un lavoro enorme da fare e partiremo nei prossimi giorni con idee innovative e con possibili incentivi, anche con sgravi fiscali commisurati al reddito, perché non sempre é alla portata di tutti pagare l’attività sportiva”.

A dirlo è stato il ministro della Salute, Giulia Grillo, presentando a Roma la riforma dei sistema sportivo italiano. “Siamo al lavoro per dare cambiamenti reali – ha continuato Grillo – dato anche che una recente pubblicazione dell’Istituto Superiore di Sanità ha stimato che si potrebbero risparmiare 2,3 miliardi di euro adottando al meglio le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della Sanità sull’attività fisica”.

Alla presentazione ha preso parte anche il sottosegretario con delega allo sport Giancarlo Giorgetti che ha precisato come questa riforma non nasce contro nessuno e non nasce per nessuno. “Non facciamo leggi ad personam ma solo per il bene dello sport italiano”, ha detto precisando che “è giusto che il governo spieghi a tutti gli attori la volontà di rinnovamento e miglioramento”.Abbiamo pensato di cambiare in meglio e questa è un’occasione per confrontarci. Nei momenti di transizione le cose funzionano se c’è collaborazione. Ora ci incamminiamo nella fase di applicazione, sono sempre i protagonisti a fare buone le riforme. Noi ce la mettiamo tutta. Dobbiamo fare le cose in fretta ma anche bene”.

La Coni Servizi sarà dunque sostituita dalla “Sport e salute”, a riguardo è intervenuto il Presidente del Coni Giovanni Malagò: “Mi sono battuto per evitare questo nome che sinceramente non condivido, è molto inflazionato. Ci sono ancora aspetti da definire legati al perimetro di azione del Coni. C’è stato stupore e dispiacere soprattutto per aspetti formali con cui si è arrivati a questo punto, dalla mattina alla sera, senza sapere nulla”.

Dibattiti politici ai margini, la riforma dello sport rappresenta un tassello importante per gli italiani che stando alle ultime statistiche Waze, la social navigation app, per il proprio tempo libero prediligono shopping e attività fisica. A seguito delle abbuffate delle festività infatti gli italiani sembrano già pensare a come prepararsi al meglio per la prova costume. Al secondo posto della classifica Waze delle attività preferite nel primo mese dell’anno, si posiziona lo sport. I centri sportivi registrano un incremento di navigazioni pari al +74%, specialmente nel secondo weekend del mese di gennaio dove in particolare, il 51% degli sportivi predilige la palestra mentre il 23% opta per la piscina. 

Alessandro Notarnicola
Alessandro Notarnicola
Mi occupo di giornalismo e critica cinematografica. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia nel 2013, nel 2016 ho conseguito la Laurea Magistrale in "Editoria e Scrittura". Da qualche anno mi sono concentrato sull'attività della Santa Sede e sui principali eventi che coinvolgono la Chiesa cattolica in Italia e nel mondo intero.
Banca delle Visite_728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *